Depliant per le Scuole

Galleria fotografica

Siamo in rete con

Login



Weather data OK
Palermo
27 °C
[Dettagli]

Flora Spontanea Siciliana FB

Fauna Siciliana FB


Benvenuto in Silene
PDF Stampa E-mail

8-10 luglio 2016

Coste dimenticate del Sud, tra Licata e Palma di Montechiaro

TripPuzzle Tour Operator e la Cooperativa Silene propongono un weekend alla scoperta di un tratto di costa siciliana unico e ancora poco conosciuto, tra Licata, Palma di Montechiaro e Agrigento.

Esiste una costa siciliana, riarsa e scarsamente popolata, che fa da contraltare alla Sicilia tirrenica, dove si alternano coltivazioni di agrumi e alture boscose e una striscia quasi ininterrotta di case e centri più o meno grandi ne caratterizza il litorale. Ci riferiamo alla costa della Sicilia meridionale, in particolare a quella della provincia agrigentina, dove spiagge, declivi argillosi e scogliere marnose si dilungano per decine di chilometri, e dove stradelle di campagna conducono a spiaggette e cale seminascoste e sconosciute. Anche qui, è chiaro, giunge qualche fastidioso “barlume” della  moderna civiltà sicula, fatta di abusi e di scempi edilizi, ma la grandiosità dei paesaggi costieri e la costante presenza del mare, li diluiscono fin quasi a farli scomparire.

 

Leggi il programma completo
 
PDF Stampa E-mail

2-3 Luglio 2016

Faggete dei Nebrodi. Portella dell'Obolo (ME)

Nel cuore delle montagne più verdi

I monti Nebrodi, costituenti l’Appennino siculo, si estendono in direzione est-ovest per 70 km in un area di circa 200.000 ettari. Essi costituiscono un biotopo di grande pregio naturalistico soprattutto per la grande estensione boschiva che si manifesta già delle zone costiere sino alle cime più elevate. Popolamenti forestali sempreverdi, dominati in prevalenza delle sugherete sono sostituiti, in relazione alle fasce climatiche, dai querceti caducifogli, tra cui l’endemica Quercia di Gussone e il Cerro, fino a culminare, a quote elevate, con le affascinanti e suggestive faggete. In questa splendida cornice paesaggistica ambienti umidi, stagni, ruscelli ma anche alberi monumentali, piante endemiche esclusive del territorio, rendono ancora più prezioso e ricco il paesaggio vegetale dell’intero comprensorio nebrodense. Questo fine settimana vi condurremo presso la portella dell’Obolo (1503 m s.l.m) , fondamentale e strategico punto di partenza per raggiungere interessanti mete naturalistiche. Silene per il prossimo weekend ha scelto per voi: il bosco della Tassita e Pizzo Fau.

Leggi il programma completo
 
PDF Stampa E-mail

Programma Escursioni 2016

On line il programma delle escursioni da Aprile 2016 ad Dicembre 2016.

 
PDF Stampa E-mail

"Un reportage di Giuseppe Festa e Massimo Piccioli sul traffico di rapaci in Sicilia: la lotta senza sosta tra chi si batte per difendere i nidi e gli spregiudicati bracconieri che mettono in pericolo uno dei rapaci più rari al mondo: l'aquila del Bonelli". Silene collabora attivamente all'interno del Coordinamento Tutela Rapaci, organizzando e gestendo uno dei campi di sorveglianza ad uno dei nidi a rischio.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2

Piante Alimurgiche

Corsi riconoscimento erbe commestibili in Sicilia

Palermo

Palermo 2° corso

Palermo 3° corso

San Cataldo (CL)

Avola (SR)

Patti (ME)

Barcellona Pozzo di Gotto (ME)

Santa Ninfa (TP)

Paceco (TP)

Favignana (TP)


Magazine

Silene è partner aderente al portale Sicilia Outdoor

 

Release and Readoption of a Rescued Nestling Bonelli's Eagle (Aquila fasciata)

Massimiliano Di Vittorio, Salvatore Grenci, Giovanni La Grua, Carmelo Bucolo, Angelo Scuderi, Francesco Palazzolo, Eduardo Di Trapani, Giuseppe Rannisi, Gabriele Giacalone, Andrea Ciaccio, Marco Fiori and Massimiliano Rocco (2015).

bioone.org

 

La Cooperativa Silene sostiene il Gruppo Tutela Rapaci

Per info consulta il sito

www.gruppotutelarapaci.it

 

La tartaruga marina (Caretta caretta) è tornata a Palermo

La Caretta caretta è la ben nota tartaruga marina che popola le acque del mediterraneo e che da sempre suscita curiosità  sia per le sue notevoli dimensioni (fino a 150 kg per quasi un metro e mezzo di lunghezza) sia per il suo aspetto "preistorico". E' un rettile e come tutti i rettili per sopravvivere ha bisogno di respirare tramite polmoni ma ciononostante si è perfettamente adattata da ormai milioni di anni ad un'esistenza quasi interamente trascorsa in mare. Infatti dal momento in cui le uova schiudono e le piccole tartarughine si avventurano in mare a quando le sopravvissute torneranno sulla stessa spiaggia per deporre, la loro vita si svolgerà  nelle acque più profonde facendo vita peregrina vagando per i mari allontanandosi anche migliaia di km dalla spiaggia che gli ha dato i natali.

Leggi tutto...
 

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su YouTube