Domenica 6 marzo. LA FORMA DELLE NUVOLE. Le Serre della Pizzuta (PA)

Cosa succede a chi attraversa il fuoco? Come cambia volto un mare? Come si comincia una discorso e soprattutto come si finisce? Ogni cosa in natura si trasforma, muta, cambia. Compriamo un bel golf e diciamo “guarda che bellezza, è nuovo! “, andiamo al cinema e non ci alziamo fino a quando non c’è scritto “fine” sullo schermo. Ma quanto tempo ci vuole a fare un golf? Quanti anni aveva la pecora che ha messo la lana? Esistono golf nuovi? 

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma diceva Lavoisier a fine ‘700.

Ma già Ovidio raccontava di strabilianti metamorfosi: ogni trasformazione era un viaggio, per capire, per essere, per tornare in vita. Legno, pietra, acqua e fuoco… Gli elementi ci raccontano le loro metamorfosi e le nostre. 

DETTAGLI PERCORSO

Percorso a bastone lungo circa 11 chilometri

Orario di inizio: 9:00, orario fine 14.00 circa

Tempo di percorrenza: 3,5 ore escluse soste

Difficoltà: EE escursionistico esperto.

Altitudine di partenza: 810 m circa; Altitudine max: 1232 m circa; Dislivello: poco meno di 500 m.

Tipo di percorso: strada sterrata,strada forestale, sentiero, terreno roccioso. Il percorso inizia su una strada carrareccia che dopo poche centinaia di metri ci porterà ad un abbeveratoio, da qui continueremo lungo la strada forestale fino ad arrivare ad un piazzale con una grande vasca antincendio. Si prosegue per un facile sentiero che risale il bosco, lungo il sentiero una meravigliosa vista su Palermo ci accompagnerà sino al vallone delle neviere. Dalle neviere proseguiremo lungo un sentiero di mezza costa fino alla sella di Monte Pizzuta, da cui godere la meravigliosa vista dall’alto di Piana degli Albanesi. Da qui torneremo indietro sullo stesso percorso, fino a raggiungere le macchine.

ATTREZZATURA E NOTE: Abbigliamento adatto alla stagione, berretto, guanti, obbligatori gli scarponi da escursionismo; 2 l di acqua; pranzo a sacco. Consigliati bastoncini da trekking. Percorsi privi di acqua. Se prevista pioggia si consiglia l’uso di abbigliamento idoneo, giacca o mantella impermeabile con cappuccio. Zona ventosa.

DOVE E QUANDO: domenica 6 marzo, Riserva della Pizzuta. 

Punto di incontro ore 8.30 – piazzale Giotto (Palermo) 

INFORMAZIONI GENERALI

Prenotazione obbligatoria entro le 12 di sabato 5 marzo. 

Contattare:

Mariagiulia Colace 3472313415

Silvana Capuano 3468292637

(guide ambientali escursionistiche associate Aigae)

Numero massimo di partecipanti: 25

Costo: 10€ – la quota comprende accompagnamento con guide ambientali escursionistiche, assicurazione infortuni e merenda lungo il percorso.

Ogni programma si svolgerà nel rispetto delle regole e secondo i termini di legge per la sicurezza da Covid-19.

N.B L’escursione potrà subire annullamento in caso di cattive condizioni meteo entro le 18 del sabato. La comunicazione verrà data telefonicamente.

Come raggiungere l’inizio del sentiero. 

Dall’autostrada Palermo – Sciacca uscire a Giacalone, subito dopo lo svincolo, al bivio, svoltare a sinistra e proseguire sulla SP20 per un paio di km, dopodiché svoltare a sinistra su contrada Strasatto. Dopo 300 metri girare leggermente al bivio sulla destra ed entrare nel cancello. 

SEGNAPOSTO: https://maps.app.goo.gl/Tk5d53FFQdHp8vkj6

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 4 =