16 febbraio. Il Castello della Pietra e pranzo al Baglio Vecchio (TP)

“Essere una roccia e non un sasso che rotola”

Il Castello della Pietra, profonda e stretta gola scavata da un modesto affluente nel tratto terminale del fiume Belice,  è un unicum nella collinare Sicilia sud occidentale. Nella vastità di oliveti e vigneti coltivati sapientemente che discende verso il mare, interrotta soltanto dalle dolci e ampie pendenze della valle del Belìce, il Castello della Pietra scardina l’armonia regolare e talvolta monocorde di quel paesaggio con le sue strapiombanti pareti calcaree. Proprio per la sua angusta inaccessibilità il luogo è stato risparmiato da insediamenti agricoli e umani e ci riserva grandissime sorprese: prime fra tutte l’esplosività feconda della sua vegetazione che si manifesta con una ricchissima biodiversità. Il ruscello che solca la base delle spettacolari pareti di roccia, creando alcune cascatelle e suggestivi scorci, è abitato da animali sempre meno frequenti e particolari, come la Raganella e il Granchio d’acqua dolce, e lambisce una plurisecolare roverella sotto le cui fronde faremo una piacevole sosta. Sui pianori sovrastanti le pareti, costituiti da banchi di roccia calcarea affiorante, si è insediata una macchia mediterranea caratterizzata da veri e propri “bonsai naturali”.

L’area riveste anche un particolare interesse archeologico-antropologico per le tracce che attestano la presenza umana dalla preistoria al medioevo (e che giustificherebbero l’origine del nome del sito). Elementi che tratteremo in modo esaustivo durante la passeggiata. La passeggiata si concluderà direttamente presso l’agriturismo Baglio Vecchio dove gusteremo un lauto pranzo a base di prodotti locali sapientemente cucinati (https://bagliovecchio.com/)

DOVE COME QUANDO

Raduno alle ore 8,15 a Piazzale Lennon/Giotto (pressi terminal AST) e partenza un quarto d’ora dopo.Da Palermo: Si percorre la A/29 Palermo – Mazara del Vallo e si esce dopo circa 100 km allo svincolo Castelvetrano per il secondo raduno presso il bar Oasi.

NOTE TECNICHE:

Difficoltà: escursione medio – facile. Percorso in gran parte su sentieri e piste di animali, in alcuni tratti accidentato o sdrucciolevole.

Lunghezza: 4,5 km circa.

Dislivello: circa 150 m

Cosa portare: indossare scarpe da trekking e abbigliamento sportivo adatti al clima del periodo, incluso  indumenti e/o accessori per la pioggia.

Rientro previsto alle ore 18,30  circa

Quota di partecipazione: 30 € a persona comprensivi di pranzo completo in agriturismo e servizio di guida escursionistica.

Il contributo carburante per lo spostamento in auto è stimato di 25€ a equipaggio

Per informazioni e prenotazioni:

Calogero Muscarella: 3331526549 (celle e whatsapp); calogero@silenecoop.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 + undici =